esponenti del PdL “TRADISCONO” l’elettorato

COMUNICATO STAMPAft_Riccardo_MONDINI_1.jpg

Non degno esordio del PD-PDL al Circondario, infatti si sono presentati con i compitini già fatti e scritti da un accordo precedente concluso tra le varie segreterie di partito, il PDL ha votato il candidato del PD e viceversa il PD ha votato il PDL vere prove di regime che l’aula di Imola da almeno un anno conosce, in quanto il PDL imolese prima di muoversi si confronta spesso con il Sindaco.

Si suggerisce loro di entrare in giunta così riusciranno a condizionarli e a vincerli, come si dice, dall’interno.

La cosa comunque più indegna è stata la creazione di un gruppone dalla improbabile tenuta del PDL quando tutti quei consiglieri tranne quelli di Imola e Castel S Pietro sono emanazione di liste civiche,  per quale motivo il PDL ha partecipato in maniera nascosta a moltissime liste civiche se era convinto di prendere gli stessi voti? Se era così forte poteva, anzi doveva presentarsi da solo.

La verità è che almeno nei casi di Castel Del Rio, Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Dozza, il PDL non aveva neanche le firme per presentare la lista ed era preoccupato che altri presentassero liste concorrenti, pertanto ha partecipato al pari di altri alle liste civiche poi successivamente con la scelta dei rappresentanti per il Circondario non ha scelto di valorizzare e rappresentare i cittadini bensì una impostazione ideologica e di partito, una vera e propria truffa trasformistica di cui hanno fatto le spese i cittadini e di cui ne farà le spese il territorio.

Molti di loro hanno stragiurato ai loro colleghi di lista che avrebbero fatto gruppo territoriale poi hanno disatteso e rinnegato tali impegni, si vedano i  casi con la Lega nord e l’UDC.

Quando bisognerà fare delle scelte tra le volontà dei cittadini e quelle di partito es. Piano regolatore generalo ovvero PSC, Comune unico in Vallata dove PD e PDL sono “uniti nella lotta”, i rappresentanti eletti nelle liste civiche ora nel gruppo PDL che cosa faranno? Quando Castel S Pietro vorrà la sua autonomia come fa da anni che cosa faranno? 

Il gruppo imolese che rappresento ha ottenuto oltre 4050 voti, per i meccanismi di uno statuto balzano, dobbiamo essere rappresentati con un consigliere mentre Borgo che ne ha avuti poche centinaia come Casale, Fontanelice, Castel Guelfo, Dozza, Mordano, Medicina o peggio Castel del Rio (tutti assieme hanno avuto 3736 voti come opposizione)  hanno un consigliere a testa come comuni, è questo un principio democratico?

Per quale motivo esistono dei membri del Circondario che non hanno partecipato alle elezioni nel PD che vengono cooptati come membri in quanto nominati ad hoc assessori?

Noi ci siamo sempre battuti contro questo spurio sistema fortemente antidemocratico con raccolta di firme e continue prese di posizione.

Perché ieri sera il neo capogruppo PDL Carapia ha detto che poi in fondo il Circondario imolese va salvaguardato e fatto funzionare?

Mi sembra che Berlusconi la Brambilla, Garagani a scendere Raisi e Vecchi abbiano firmato contro di esso non più tardi di due anni fa, conservo le firme forse; la real politik suggerisce la non belligeranza in Emilia romagna?

Sono facile profeta vi saranno tra breve interessanti movimenti.  Grazie per l’attenzione Riccardo Mondini  

esponenti del PdL “TRADISCONO” l’elettoratoultima modifica: 2009-07-26T13:42:00+00:00da plcrasti
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “esponenti del PdL “TRADISCONO” l’elettorato

  1. Mondini ha stigmatizzato giustamente il comportamento di alcuni esponenti del PdL, che non può per niente essere condiviso.
    Ditemi voi infatti se può essere accettabile che un partito come il PdL, votato da migliaia di elettori in quel di IMOLA e Comuni circostanti, possa votare asieme (badate bene: ASSIEME) al P.D. senza alcuna ragione superiore, senza alcun motivo che richiami l’interesse massimo della cittadinanza ma semplicemente perché “dobbiamo votare la Presidenza del Circondario di Imola assieme alla maggioranza come si fà a Roma per la Presidenza della Repubblica”…queste sono le ragioni???

    Le persone perbene non possono e non devono accettare un simile svilimento del proprio voto, dato con fiducia ad eletti che poi hanno tradito pienamente il mandato ricevuto come membri del PdL che invece hanno agito piuttosto come rappresentanti del PD.

    ..secondo voi una simil “capacità politica” può avere un futuro, può essere capita e premiata dagli elettori?

  2. Ciao Pietro,
    perchè si grida all’inciucio per la votazione del Presidente e del Vicepresidente al Circondario?
    A Dozza la maggioranza e la minoranza hanno votato ASSIEME per l’elezione del Presidente e del Vicepresidente del Consiglio Comunale.
    Forse le battaglie da combattere sono altre. O no ?!?!

    Dimenticavo, Mondini ha scritto che i voti delle opposizioni nel comuni sono stati 3.736; in realtà sono 7.736.

  3. (A Graziano)Le posizioni politiche, le azioni ed i progetti dei gruppi di minoranza devono mostrarsi alternativi al gruppo di maggioranza pena:
    – l’ambiguità del gruppo stesso nella sua azione politica generale,
    – il rischio che l’elettorato venga tradito nel mandato ricevuto, in seguito allo snaturamento della linea politica,
    – la debolezza fino al fallimento dell’attività.

    Ti rispondo: certo che esistono ma non per questo vanno giustificati gli INCIUCI politici (che favoriscono le maggioranze) e nulla portano alle minoranze, o no? cosa ha portato infatti questa miope ed ambigua iniziativa al circondario?

    All’interno di una comunità non esistono persone portatrici di “cose da farsi” migliori di altre (perché guardare dall’alto in basso e bocciare proposte che non siano le proprie?).
    Esiste piuttosto una progettualità in cui crederci oppure no, unità alla volontà di condividere e procedere uniti.

    Il futuro saprà essere buon giudice, io rimango sempre disponibile e pronto ad ascoltare tutti per lavorare con tutti…ma Graziano, non pensare che le persone sleali passino inosservate, rispetto a coloro che lavorano con semplicità, passione ed onestà.
    Prima o poi, ne son certo, queste vinceranno!
    A questo punto c’é solo da scegliere.

  4. Le posizioni politiche, le azioni ed i progetti dei gruppi di minoranza devono mostrarsi alternativi al gruppo di maggioranza …. SONO PIENAMENTE D’ACCORDO CON TE.
    PER QUESTO DICO CHE LE BATTAGLIE SONO SUI CONTENUTI. COMINCIAMO A PRESENTARE DELLE PROPOSTE, DELLE MOZIONI DELLE INTERROGAZIONI.
    POI TENIAMO INFORMATI I CITTADINI.

    All’interno di una comunità non esistono persone portatrici di “cose da farsi” migliori di altre (perché guardare dall’alto in basso e bocciare proposte che non siano le proprie?).
    SONO D’ACCORDO. VEDI SOPRA

    Il futuro saprà essere buon giudice, io rimango sempre disponibile e pronto ad ascoltare tutti per lavorare con tutti…ma Graziano, non pensare che le persone sleali passino inosservate, rispetto a coloro che lavorano con semplicità, passione ed onestà.
    SONO D’ACCORDO. CREDO CHE IL FUTURO SAPRA’ ESSERE BUON GIUDICE.

    Forse ti sembra strano, ma sono d’accordo con te.

  5. Non che io abbia una particolare simpatia per Riccardo Mondini, per la sua provenienza e per le politiche che propone, anzi, ma ad onor del vero credo che la sua attuale obiezione al comportamento della PDL sia (ahimè) condivisibile. anche se non ho il piacere di conoscerlo, chiedo a Graziano: da quando il Presidente del Circondario è assimilato al Presidente del Consiglio di Dozza???? sono 2 cariche politicamente e istituzionalmente differenti (almeno nell’ ABC politico che mi hanno insegnato) il Presidente del Circondario è da assimilare alla carica di Presidente della Provincia o al Sindaco di Dozza dal quale ha avuto le deleghe e per il quale compie le funzioni appunto delegate. Il Presidente del Consiglio Comunale è un consigliere eletto dai cittadini che rappresenta il Consiglio e coordina i lavori e i rapporti dei consiglieri con l’amministrazione. tutta un’altra storia. ma forse Graziano è amico di Mirri che ha venduto al PD la sua civicità e la sua ostilità nello scorso mandato, per ricoprire la carica di Vice presidente. lascio a Graziano l’onere di controllare il risultato elettorale appunto di Gianfranco Mirri.

  6. Ciao Francy, sinceramente non conosco la differenza delle cariche ma se mi dici che sono diverse e non sono paragonabili ti credo. So che si è discusso se accettare o meno la carica di vicepresidente del consiglio comunale (che è sempre stata rifiutata per fare inciuci) e alla fine è stata accettata.
    Lo confesso: sono amico di Mirri. nonostante il risultato elettorale.
    Vorrei chiederti una cosa: cos’è la civicità ?
    Ciao Graziano

  7. civicità? bella domanda. ma forse dovrebbe essere graziano che ha sostenuto e promosso una lista civica a spiegarlo. a spiegare perchè prima non si possono nominare i partiti a cui si fa riferimento adduccendo una libertà di servizio ai temi specifici della comunità e poi passate le elezioni fuoriescono le sigle dei partiti di appartenenza………..

  8. per amore della verità e per rispetto alla mia onestà intellettuale, a Graziano devo delle scuse. ho approfondito meglio, solo dopo, che l’elezione a cui faceva riferimento Mondini non è del Presidente del Circondario, ma del Presidente dell’Assemblea. parliamo di 2 cariche differenti e di 2 istituti differenti. alla luce di questo devo quindi concordare con l’assimilazione fatta con il Presidente del Consiglio di Dozza. valuto quindi opportuna la domanda di Graziano. ma una domanda sorge ora spontanea: non è che forse a Dozza la frattura di Uniti per Cambiare era già in atto alla prima seduta di Consiglio con l’elezione in accordo con il PD, di Presidente e Vice Presidente forse pretesa da Mariani in cambio della candidatura al Circondario come rappresentante civico, ma in verità x assecondare accordi preelettorali tra PDL e PD ?? pare infatti di ricordare una netta opposizione di Mariani, nella precedente legislatura, alla sopravvivenza del Circondario, considerato ente inutile e spendaccione e una palese contrapposizione con il suo presidente Franco Lorenzi, assessore a Dozza. sarà cambiato qualcosa?

  9. Ringrazio Francy per la dimostrazione concreta di onestà intellettuale. Per quanto riguarda la decisione di accettare la vicepresidenza in CC è stata presa al momento. Si sapeva che la maggioranza avrebbe offerto la vicepresidenza alla minoranza; per dare un segnale di buona volontà e chiedendo in cambio la possibilità di evere più tempo nel prendere visione dei documenti relativi all’ordine del giorno del CC ( adesso è possibile prendere visione dei documenti il giorno stesso del CC) la sera stessa del CC i consiglieri hanno deciso di accettare la vicepresidenza. Nella precedente legislatura la netta opposizione non era solo di Mariani, ma dell’intero gruppo di minoranza.

    Per quanto riguarda il commento precedente; all’inizio della campagna elettorale è stato valutato se presentarci come lista civica o come lista di partiti. Era evidente che sommando i voti dei partiti non si sarebbe mai vinto, mentre come lista civica c’era la possibilità (inserendo anche persone non legate ai partiti) di allargare la possibilità di aggregazione. Era chiaro che il bacino che sosteneva la campagna era il voto del centrodestra. Ma quello che ci importava di più non era tanto la forma scelta, quanto i contenuti del nostro programma. Tutto il nostro programma era fondato sul principio della sussidiarietà; “sono i cittadini, le famiglie, le aggregazioni sociali che devono poter agire liberamente nel tentativo di rispondere ai loro bisogni, l’ente locale deve sostenere, favorire, valorizzare questo tentativo.”

    Anche se in CC sono in minoranza (5 consiglieri) occorre lavorare per far conoscere ai cittadini il lavoro che si fa. Credo però che se tutto si riducesse alla presenza in CC si continuerebbe altri 60 anni a fare opposizione.

    Occorre coinvolgere nuove persone, occorre aprirsi alle esigenze reali della gente, occorre iniziare un lavoro di ascolto e di condivisione dei problemi concreti. Se nasce un movimento di questo genere il problema di come ci si presenterà alle prossime elezioni è molto meno importante.

Lascia un commento