DEL BONO e..il suo bancomat

DELBONO_manifesto.jpg

..bello questo manifesto,tratto dall’interessante articolo del Blog di UMBERTO BOSCO, cliccate su: http://umbertobosco.blogspot.com/2010/01/ce-delmarcio-bologna.html
Pietro Luigi Crasti
DEL BONO e..il suo bancomatultima modifica: 2010-01-29T09:06:00+00:00da plcrasti
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “DEL BONO e..il suo bancomat

  1. Molti anni fa, quando ero ancora un bambino, i miei genitori mi portarono in gita a San Marino che, a quel tempo, non era ancora la capitale degli outlet ma “solo” una bella città medievale purtroppo piena di negozi di souvenir d’ogni genere. Fra tutti i souvenir in esposizione ne ricordo uno, una piccola tazza da water in ceramica con su scritta la frase “SARANNO GRANDI I PAPI, SARAN POTENTI I RE, MA QUANDO QUI SI SIEDONO SON TUTTI COME ME”. Ricordo il ridere che facemmo, i miei genitori ed io, su quel dissacrante gabinetto anche se, allora, non mi resi conto della grande verità di quella frase.
    Stasera, visitando questo blog, quella frase mi è tornata in mente in relazione al caso del “Marcio a Bologna” solo perché una volta di più si evidenzia che anche questi moderni catari, quelli del “partito dei santi”, quelli che non sbagliano mai e che sono i migliori di tutti, quelli che sono un esempio per gli schifosi di destra…in realtà non sono per niente superiori ad alcuno se non nella boria.
    Hanno criticato tanto Craxi che, grazie ai tanti volonterosi “amici”, sono riusciti a far morire in esilio…esiliato per gli stessi peccati loro e di tutti gli altri…ma loro non sono stati neppure scalfiti da Tangentopoli e mi chiedo se a un certo Compagno che accusò sé stesso perché non venisse accusato il Partito (ovvio quale partito) fu riservato lo stesso trattamento, lo stesso tintinnio di manette che fu riservato ai tanti che si suicidarono, in carcere e fuori dal carcere, per le immani pressioni alle quali erano sottoposti. Domani inizierà il processo a Consorte, il banchiere rosso che doveva far sognare qualche “grande” dell’ex PCI. Bene, vedremo se anche questa volta andrà loro di lusso come andò ai tempi di Tangentopoli perché ormai mi pare chiaro che santi non sono!

  2. Abbasso Marrazzo, abbasso Sircana, abbasso Luxuria e abbasso anche Vendola, tutti notoriamente orientati verso trans ed omosessuali.

    VIVA DEL BONO: ALMENO A LUI PIACCIONO LE DONNE!
    A parte la storia del bancomat il PD dovrebbe esserne orgoglioso.

    Povero PD: riesce a far scappare anche Prodi.
    Ha, ha, haaaaa!

Lascia un commento