IMOLA: Riccardo Mondini contro il burqa

FOTO SCATTATE nella città di IMOLA (prov. Bologna) 

SGPhoto_2009_09_29 09_40_59.jpg
 
 Ordine del Giorno
Consiglio Comunale Imola

 

Verificato che nella nostra città con sempre maggiore frequenza si vedono circolare persone con la copertura integrale del corpo da mantelli di colore scuro viso compreso e che tali persone sembrano donne di paesi extraeuropei.

 

Considerato altresì che tali camuffamenti non fanno parte della storia e della tradizione ultramillenaria della nostra città e che tali rivestimenti del corpo, umiliano la donna e la discriminano in quanto l’uomo nelle culture di provenienza di queste sventurate non è costretto a tali travisamenti.

Tali ricoperture del corpo di carattere integrale sono estranee a qualunque religione e non facenti parte del dettato religioso neanche della religione islamica la quale consiglia si la copertura del corpo, ma non quella integrale che non permetta di vedere il volto.

Questa vessazione delle donne attesta una terribile visione del mondo e una costrizione talmente profonda e assoluta che porta queste infelici a confondere una violenza profonda con una libera accettazione tanto il condizionamento famigliare e culturale è forte,  certificando di fatto l’integralismo dei propri conviventi.

 

Considerato altresì che il Comune di Imola  nel suo Statuto all’articolo 3 comma 1 tutela le pari opportunità e l’eguaglianza tra uomo e donna e che esiste una Commissione dedicata alla promozione e alla tutela delle parità tra uomo e donna.

 

Verificato altresì che una cospicua normativa penale italiana e europea non accetta la ricopertura integrale del corpo, condannando tali pratiche che ledono anche i principi della laicità dello Stato considerandole contrarie all’ordine pubblico e al buon costume.

 

 Il Consiglio Comunale 

dichiara

 

che la città di Imola non è disponibile ad accogliere persone che facciano praticare alle loro spose alle loro figlie o che pratichino simili travisamenti della persona.

Si farà affiggere un cartello alle entrate della città con la dicitura:

 Città non disponibile ad accogliere persone con Burqa e Chador”.

 

E nel contempo si

                          

                              invita il Sindaco e la Giunta e la Commissione pari opportunità

 

a porre in essere un regolamento che escluda da ogni beneficio comunale le persone che si vestono con tali paludamenti.

 

                                                                                          Per il Gruppo Consiliare

                                                                                             Riccardo  Mondini

 

Imola 28 settembre 2009    

 
 
IMOLA: Riccardo Mondini contro il burqaultima modifica: 2009-09-29T09:47:00+00:00da plcrasti
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “IMOLA: Riccardo Mondini contro il burqa

  1. Il ragionamento non fa una piega ed aggiungiamo che in Italia è vietato oscurare i vetri delle auto, almeno ai non parlamentari bisognosi di un’auto blu; non vedo il perché ci debbano essere persone non identificabili come invece è imposto a me cittadino italiano. Chissà quante persone hanno usato questo stratagemma per eludere…

Lascia un commento