Essere cittadino, essere italiano

ESSERE CITTADINO, ESSERE ITALIANO

..mi trovo spesso a riflettere e convergono le mie idee sul fatto che non bisogna mai lasciarsi andare anche quando le situazioni ti spingerebbero a farlo. Guardare l’orizzonte, dove sicuramente ognuno di noi può trovare i suoi riferimenti, fatti di ricordi, di insegnamentio delle persone care ed amate e comunque di uomini e donne che ci hanno colpito per il loro esempio. Il loro insegnamento di vita.

La vita la capiamo da noi. Con i nostri sbagli, tentativi a rimediarvi od a cometterli ancora. Comunque sia, E’ la nostra vita che abbiamo ricevuto (io credo) in dono. Sta a noi scegliere come viverla.

Penso che tra le prime scelte bisogna porsi quelle di ESSERE CITTADINO collocando noi stessi, la nostra individualità in relazione con gli altri. Altri, che sono: la nostra famiglia, la nostra comunità cittadina….mentre scrivo queste righe mi sembra di essere retorico o di andare controccorrente come fanno i salmoni durante il periodo della riproduzione. Credo che dobbiamo fare non ciò che sentiamo, non inseguire le sensazioni..spesso fugaci e quindi ingannevoli, bensì forgiare la nostra vita sulle nostre scelte.

ESSERE ITALIANO acquista un senso solo se lo si lega alla nostra identità di cittadino e di Uomo o Donna. Chiudo qui perché con queste poche righe ho solo inteso dare uno spunto…uno spunto ad un asupicabile dialogo, confronto, dibattito…se lo volete anche vivace, perché no?

Un caro saluto, plc

Essere cittadino, essere italianoultima modifica: 2009-04-16T13:39:00+00:00da plcrasti
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Essere cittadino, essere italiano

  1. Da sempre la sinistra ha cercato di copiare idee e programmi spacciandoli poi per propri, perchè meravigliarsi se poi per cercare di vincere le elezioni copia anche i loghi ed i coloti al fine di indurre in confusione gli elettori. Ormai non sanno più cosa inventarsi per cercare di vincere almeno una elezione. Occorre smascherarli ma senza dar loro troppa importanza è quello che vogliono, pubblicità gratis.
    Bisogna capirli poveracci ormai sono in via d’estinzione.

Lascia un commento